Generazione Millennials: le nuove abitudini di acquisto

shutterstock_329726954

 

Quando un brand promuove i propri contenuti deve cercare il più possibile di essere coerente con i valori alla base della propria identità di marca. I contenuti devono inoltre essere adeguati al target di riferimento. Queste due regole sono alla base del marketing tradizionale e continuano a essere valide anche nell’era del marketing digitale.

Le aziende devono analizzare il proprio target di riferimento per conoscere a fondo i valori radicati nei nuovi mercati e affrontare le dinamiche di acquisto più ricorrenti. Il target group viene quindi analizzato da vari punti di vista, non solo socio-demografici, ma sempre più di stile di vita e abitudini di consumo diffuse. I brand oggi devono poi compiere uno sforzo maggiore rispetto al passato per ottenere una buona reputazione e la fiducia da parte dei consumatori in questa era di rivoluzione tecnologica e cambiamento socio-culturale, soprattutto quando il target di riferimento è quello dei Millennials che conosciamo molto bene perchè ne facciamo parte.

I Millennials sono i consumatori 2.0 nati tra gli anni ottanta e il duemila, per le aziende un mercato sofisticato e particolarmente difficile da raggiungere che sta vivendo in pieno la trasformazione digitale degli ultimi decenni.

É la social generation, con internet sempre a portata di mano. Utenti informati e consapevoli, esigenti e tecnologicamente evoluti, con cui i media classici e gli approcci di marketing tradizionali funzionano meno generando risultati incerti. In Italia si contano oltre 11 milioni di Millennials connessi quotidianamente a internet per gran parte della giornata sia su dispositivi desktop che mobile. Il web viene utilizzato per istruzione o per lavoro, per cercare informazioni in tempo reale, avere aggiornamenti sulle tendenze del momento, ricevere consigli e condividere esperienze di consumo. Rappresentano un mercato molto vasto e redditizio con un buon potere d’acquisto e un ruolo attivo nei processi di acquisto.

Per brand e marketers è quindi necessario analizzare i comportamenti abituali dei nuovi consumatori per riuscire a coinvolgerli in modo efficace rimanendo in linea con i loro valori. La generazione dei Millennials è più propensa ad acquistare prodotti e servizi che rispecchiano il loro modo di vivere, preferiscono identificarsi con i valori proposti dai brand e desiderano essere ascoltati e coinvolti. Ricorrono moltissimo alla rete (motori di ricerca, blog, portali tematici, social media, mobile apps, ecc.) per ottenere consigli di amici, opinioni di esperti e recensioni dei clienti prima di effettuare un acquisto, valutando attentamente e rapidamente le varie alternative che gli si presentano.

Quando valutano un acquisto online, ricercano la cosiddetta “social proof”, ovvero opinioni, recensioni, contenuti di valore autentici e trasparenti, esperienze reali dei loro pari, fonti accreditate e autorevoli di cui possono fidarsi. Amano inoltre i contenuti personalizzati, apprezzano particolarmente le forme di sconto o le promozioni e inseguono l’innovazione di prodotto.

Per raggiungere la generazione dei Millennials è decisivo parlare una nuova lingua virtuale, essere empatici e coinvolgenti, principalmente sui social network. 
Proprio per questo le strategie di influencer marketing risultano essere tra le più efficaci con questo target, rispondendo alle esigenze dei Millennials di autenticità, comunicazione e dialogo costante.

E tu cosa ne pensi? Lascia un commento qui sotto :)

Leave a reply.