Influencer marketing 2017: analisi e ambiti di sviluppo

L’importanza dell’influencer marketing nelle strategie di marketing attuate lo scorso anno dai brand (in particolar modo da quelli appartenenti al mondo del fashion) è notevolmente crescente. Essere influencer, oramai, è un po’ una moda, ancor più da quando è emersa l’esigenza da parte delle aziende di comunicare con un tono più naturale, leggero e alla pari con i propri customer. Va detto, però, che non è scontato il fatto che chi partecipa ad azioni di influencer marketing riceva un compenso economico: da quanto emerge dall’analisi “The state of influencer marketing 2017”, infatti, solo il 16% dei professionisti del settore ha sempre offerto un compenso economico agli influencer con cui ha lavorato (mentre il 18% non lo ha mai fatto).
Chi conosce bene adMingle sa che attribuisce fondamentale importanza al riconoscimento della influence delle persone così da tramutarlo in un ritorno economico rappresentativo dell’influenza sulla audience e della capacità di generare interazioni.
È quindi di estremo interesse per tutti esaminare i punti chiave emersi da “The state of influencer marketing”.

  1. L’influencer marketing non è ancora del tutto esploso nel panorama del web marketing: è tuttavia prevista un’ulteriore evoluzione nel 2017 che lo porterà ad essere una delle strategie più adottate dalle aziende, le quali nel 2017 tenderanno a confermare o aumentare il budget dedicato.
    La piattaforma adMingle permette di garantire ai suoi clienti la massima qualità e controllo nella gestione delle campagne, le quali possono assumere diverse forme (anche combinabili tra loro a pacchetto): dalle campagne di amplificazione (su tutti i social, Instagram compreso) alle azioni di UGC (testuali ma anche multimediali), passando per le collaborazioni con celebrities del mondo dello sport e dello spettacolo. Ci sono, quindi, validi motivi affinché un’azienda decida di investire del budget in azioni di influencer marketing con adMingle.
  2. Il principale obiettivo per cui vengono adottate strategie di influencer marketing è aumentare la brand awareness dell’azienda o del prodotto oltre che la brand loyalty.
    Incrementare la brand awareness è obiettivo costante delle campagne adMingle, così come favorire la brand loyalty dell’audience cui verranno sottoposti i post sponsorizzati.
  3. Viene instaurata più frequentemente la collaborazione con gli influencer in occasione del lancio di un particolare prodotto o dell’avvicinarsi di un evento.
    L’esperienza di adMingle lo conferma: in molti casi si è contribuito a far entrare in tendenza l’hashtag di campagna associato ad un particolare evento o lancio di prodotto sul mercato.
  4. Instagram è il social più utilizzato per le azioni di influencer marketing (25%, seguito da Facebook, 21% e Twitter, 16%). Non c’è da stupirsi, leggendo questi dati, di trovare Instagram al primo posto: la maggior parte della comunicazione online avviene, infatti, tramite contenuti multimediali.
    Nonostante la maggior parte delle campagne adMingle lanciate nel 2016 si focalizzasse su Facebook e Twitter, dall’inizio del 2017 si è notato un incremento dell’interesse anche per il prodotto campagne Instagram.
  5. I brand appartenenti al settore fashion sono molto più avanzati ed impegnati nell’utilizzo di strategie di influencer marketing.
    La comunicazione visiva che caratterizza Instagram è in linea con la tendenza di cui al punto 4): non è un caso se ben il 97% delle interazioni legate alla NYFW Fall 2016 abbiano avuto luogo proprio su Instagram.
    Non è sicuramente un caso il fatto che i fashion blog siano tra i più richiesti per le campagne adMingle di UGC.

Concludendo, possiamo quindi affermare che adMingle è sicuramente al passo con le esigenze del mercato in ambito influencer marketing, così come nella misurazione dei risultati delle campagne (uno dei punti più critici per le aziende che commissionano le campagne di influencer marketing), forniti ai brand attraverso un ricchissimo report.
E voi, state sfruttando i vostri social nella maniera più efficace possibile per trasformare la vostra influence in guadagno tramite collaborazioni nell’ambito dell’influencer marketing? Assicuratevi di avere un account adMingle funzionale, verificando di aver collegato tutti i vostri canali social e di ricevere le comunicazioni di invito alle campagne. 😉

E tu cosa ne pensi? Lascia un commento qui sotto :)

Leave a reply.